Monthly Archives

LA VALPOLICELLA PATRIMONIO DELL’UMANITA’

marzo 1, 2014 by admin in Iniziative with 0 Comments

valpolicella
UNA PROPOSTA DA MDF/TERRA VIVA E UN’OPPORTUNITA’ PER TUTTI PER FERMARE IL DEGRADO DEL NOSTRO TERRITORIO:  Cosa possiamo fare per fermare lo sfruttamento della Valpolicella, la cementificazione selvaggia, la realizzazione di nuove infrastrutture e edifici industriali che ne deturpano la bellezza mettendo a rischio la salute dei suoi abitanti?

La candidatura della Valpolicella a Patrimonio dell’Umanità presso l’UNESCO potrebbe rappresentare la risposta. Una possibilità già presentata da MDF Verona in un’intervista al giornale L’Arena del 18 dicembre 2012 (in allegato) e che ora vorremmo concretizzare con la partecipazione e il sostegno di tutte le principali associazioni del territorio e di Verona.
Già altri territori vitivinicoli italiani hanno pensato a questo riconoscimento: Montalcino e la Val d’Orcia dal 2004 mentre il Chianti ne ha fatto richiesta a maggio 2013. Si tratta infatti di uno strumento straordinario per proteggere il territorio, ma anche valorizzarlo, non solo dal punto di vista turistico. La città di Verona è pure Patrimonio dell’Umanità, e questo rappresenta una vantaggio perché si verrebbe così a creare una sorta di ampia regione riconosciuta dall’UNESCO. Inoltre è di pochi giorni fa la notizia che anche il Lago di Garda si sta organizzando per poter inviare la candidatura all’UNESCO (vedasi allegato). Un’ulteriore conferma dell’enorme potenzialità di questa opzione.
Il progetto del Biodistretto, la progressiva e graduale conversione al biologico del territorio, percorso culturale fortemente sostenuto e promosso dall’Associazione Terra Viva, potrebbe rappresentare un valore aggiunto a rafforzamento della candidatura della Valpolicella.

Obiettivi
Avere un ritorno in termini economici, di immagine, notorietà, promozione del territorio, accesso a finanziamenti, ma soprattutto porre dei vincoli ai deturpatori del territorio, che non potranno più agire indisturbati nella loro azione di danneggiamento di quello che sarà ritenuto “patrimonio dell’umanità”, pena il ritiro del riconoscimento e il conseguente enorme danno d’immagine a livello internazionale. Realtà industriali come Cementirossi o gli speculatori edilizi avranno così più difficoltà nel portare avanti i loro affari e progetti.

Come si invia la candidatura
Il CNI (Comitato Nazionale Italiano) UNESCO di Roma, da noi contattato, ci ha spiegato la procedura.
È sufficiente organizzare un convegno di ampio respiro, che veda la partecipazione di tutto il territorio, dal titolo “Verso la Valpolicella Patrimonio dell’umanità”, o tema simile. Se il programma sarà convincente, se le adesioni delle associazioni e, possibilmente, i patrocini dei Comuni coinvolti saranno numerosi, l’evento otterrebbe il patrocinio del CNI UNESCO, che invierebbe anche un suo rappresentante. Se il convegno si farà e avrà discreto successo in termini di partecipazione, il processo di candidatura sarà ufficialmente avviato e sarà portato avanti direttamente dal CNI UNESCO, che presenterà la proposta alla sede internazionale di Parigi.

Tempi
Il convegno potrebbe svolgersi ai primi di maggio, prima delle elezioni comunali previste in molte amministrazioni della Valpolicella. Una strategia questa per avere maggiori probabilità di ottenere l’appoggio di alcuni dei candidati, ivi compreso il progetto del Biodistretto. In tutto il processo potrebbe richiedere 2-3 anni ma a noi spetta solo di dare il via ala macchina. 

Gruppo di lavoro
Chiediamo l’adesione di tutte le associazioni del territorio a questo progetto, non solo in termini di appoggio ma anche di partecipazione e coinvolgimento diretto. Servirà infatti un gruppo di lavoro operativo per organizzare il convegno e contattare le amministrazioni e gli altri enti del territorio.

Adesioni
Vi invitiamo quindi ad aderire e indicarci uno o più nominativi di persone della vostra associazione disponibili a far parte del gruppo organizzativo, prendendosi carico di questo impegno condiviso.
Più saremo più l’iniziativa avrà probabilità di successo, e meno sarà onerosa per le associazioni coinvolte.

L’incontro del 22 febbraio organizzato da Valpolicella 2000 per riunire in una medesima progettualità le associazioni della Valpolicella potrebbe rappresentare l’occasione ideale per discutere insieme questa proposta, chiarire eventuali dubbi e raccogliere le adesioni.

La proposta viene presentata alle seguenti associazioni, vi preghiamo di segnalarci eventuali dimenticanze al fine di concretizzare un coinvolgimento reale di tutti i comitati che possono avere a cuore il futuro della Valpolicella.

Amici della bicicletta

Antica terra gentile
Arteentropiazero
Associazione Ergo

A.ve.pro.bbi
Borghi di Pietra

Comitato contro il collegamento
autostradale delle Torricelle

Cooperativa Hermete

FAI
Fumane futura

Gaspolicella

Genius Loci

Il Carpino

Il Pescantinese

Isde

Italia Nostra

Legambiente Verona

Le marogne

Mammedellavalpolicella

Movimento ambiente e vita
Musantiqua

Nour

Red zone

Salvalpolicella
Salvarbizzano

Slow Food
Terra Viva
Tekazu

Thirtha

Valpolicella2000
Vicini a Parona

    Wwf Verona

 

Contatti
Per chiarimenti e per comunicare la vostra adesione al progetto vi preghiamo di contattare via email o cellulare:

Eliana Rapisarda di MDF Verona
Email: eliana@veronagreen.it
Cell: 347 8654661