Monthly Archives

20 FEBBRAIO, CIBO CRIMINALE

febbraio 19, 2015 by admin in Convegno with 0 Comments

cibo criminale

Venerdì 20 febbraio 2015 al teatro di santa Maria Ausiliatrice (ex chiesa sconsacrata) MDF organizza l’incontro sul cibo, con il giornalista della rai Luca Ponzi. L’autore ci parlerà del suo testo CIBO CRIMINALE, che parla delle edulcurazioni del cibo e delle maxitruffe alimentari, tratte da sentenze di tribunali italiani. Leggeremo brani con musica, li commenteremo e il professore Daniele Degl’Innocenti, ci parlerà del cibo che fa bene e delle qualità intrinseche degli alimenti. Infine spazio alle domande.

Prima dell’incontro, per chi vuole, è prevista una cena di finanziamento per le famiglie in difficoltà del quartiere. Si tratta di un semplice caffèlatte le cui offerte andranno alla San Vincenzo locale.
Chi avesse problemi di tempo o di alimentazione può arrivare direttamente all’incontro alle 21,20.
In allegato il volantino completo. Qui maggiori informazioni http://ortorto.blogspot.it/2015/02/cena-del-povero-e-cibo-criminale.html

3 FEBBRAIO, FILM “RESISTENZA NATURALE”

febbraio 1, 2015 by admin in Uncategorized with 0 Comments

 

Natural-Resistance

QUANDO: Martedì 3 febbraio 2015

DOVE: pizzeria La fontana ai ciliegi, via Valpolicella 82/84  San Pietro Incariano.

Ciclo Decrescita e Agricoltura

Le proiezioni e le altre iniziative, sono ad offerta libera; dopo 5 incontri si ha diritto alla tessera.

In Valpolicella, nel cuore del territorio del vino di Verona, proiettiamo Natural Resistance, il racconto delle scelte coraggiose di quattro viticoltori italiani (Elena Pantaleoni, Stefano Bellotti, Giovanna Tiezzi e Corrado Dottori) che hanno deciso di lavorare la terra nel pieno rispetto della natura e dei suoi tempi.

  • DATA: 29 maggio 2014
  • REGIA  Jonathan Nossiter (clicca se vuoi visualizzare il profilo del regista)
  • SOGGETTO: Jonathan Nossiter (clicca se vuoi visualizzare il profilo del regista)
  • FOTOGRAFIA: Jonathan Nossiter, Paula Prandini
  • SCENEGGIATURA: Jonathan Nossiter (clicca se vuoi visualizzare il profilo del regista)
  • GESTIONE DELLA SERATA: Francesco Badalini
  • GENERE: Documentario
  • PRODUZIONE: Goatworks Films, Les Films du Rat, Cineteca del Comune di Bolgna
  • DISTRIBUZIONE: Lucky Red
  • PAESE: Francia, Italia
  • DURATA: 85 Min

Trama  Un gruppo di vignaiuoli “naturali” sono i protagonisti di Resistenza naturale, il nuovo documentario di Jonathan Nossiter che, dopo aver svelato i segreti dell’industria vinicola con Mondovino, lavora per salvaguardare i prodotti naturali contro lo strapotere delle multinazionali e della politica di Bruxelles. Il regista questa volta si concentra sul territorio italiano ed in particolare  ci porta nelle tenute La stoppa in Emilia, La distesa nelle Marche, Pacina in Toscana e nella Cascina degli Ulivi in Piemonte.

Resistenza naturale mette in evidenza come la tutela del marchio DOC si sia trasformata in una rigida categorizzazione che finisce con il favorire i grandi produttori i quali fanno uso di innumerevoli sostanze chimiche per raggiungere degli standard che dovrebbero essere a tutela del consumatore ed invece non lo sono. La passione e la competenza che ognuno dei viticoltori (uomini e donne) interpellati mostra, ci fa comprendere come il vinificare sia un’arte di cui rischiamo di perdere le qualità primarie sacrificate sull’altare della quantità e dell’assoluto disprezzo (che si trasforma in ignoranza) delle caratteristiche di ogni vitigno e di ogni terreno.

È la parola ignoranza che ci introduce all’altro elemento costitutivo di questo interessante documentario: i contributi provenienti da film messi a disposizione dalla Cineteca di Bologna. Progressivamente, grazie anche ad alcuni interventi di Gianluca Farinelli (direttore della Cineteca stessa), la scelta si fa chiara. L’ignoranza, appunto, la non conoscenza fa sì che del vino si finiscano per non conoscere più le specificità e che lo stesso avvenga anche con il cinema. Non solo i classici ma anche opere di pochi decenni fa finiscono con il venire sbrigativamente bollate come ‘vecchie’ mentre invece costituiscono quell’humus su cui far sviluppare i tralci della conoscenza.